Tra Clermont e Newcastle Falcons c’è un solo precedente: Challenge Cup del 2004, il Montferrand passò il turno perdendo a Newcastle (3-10) ma ribaltando la differenza punti al Parc des Sport Marchel-Michelin (25-13).

I giallo-blu, secondi nel Top 14 dietro lo Stade Francais, hanno vinto la competizione nella finale di Lione del 1999 contro il Bourgoin di Galon (35-16).

La storia in Challenge del Montferrand, comunque, è piena di risultati importanti: due quarti di finale (1997 sconfitta con il Bourgoin, 1998 contro il Colomiers e 2005 con il Pau nel doppio confronto) e una finale (2004 e beffa di un solo punto contro gli Harlequins). I Newcastle Falcons, invece, non hanno mai vinto la Challenge Cup ma hanno conquistato ben tre semifinali (1998 con l’Agen, 2001 con gli Harlequins e 2006 con gli Irish) e due quarti (2000 con il Pau e 2003 con i Saracens), dimostrandosi dei veri habitué di questa competizione.

Quello tra Saracens e Warriors non è un confronto inedito in Challenge Cup: nel 2004, infatti, le due squadre s’incontrarono negli ottavi di finale, gli scozzesi ci arrivarono eliminando il Montpellier mentre gli inglesi fecero fuori facilmente la Rugby Roma.

Dopo le due partite d’andata e ritorno, i Saracens ottennero la qualificazione ai quarti in maniera rocambolesca perché, dopo aver vinto facilmente a Vicarage Road (37-6), subirono una  lamorosa, quanto incompleta, rimonta (33-5) che gli permise il passaggio del turno per soli tre punti di differenza.

Oggi le due squadre s’incontrano di nuovo dopo essersi affrontate già nel girone di qualificazione dove i Saracens sono arrivati primi e hanno conquistato il diritto di giocarsi il quarto di finale davanti al proprio pubblico: a Londra vinsero i padroni di casa 28-3 mentre a Glasgow la partita è finita in pareggio (6-6). Si scontrano, invece, per la prima volta Bath e Bristol nelle coppe europee ma le due squadre si conoscono benissimo, avendo già giocato due volte in Guinness Premiership in questa stagione.

In entrambe le occasioni ha vinto il Bristol, capace di espugnare il Recreation Ground in novembre (12-19) e di ripetersi a dicembre sul proprio campo (16-6) ad Ashton Gate. Il Bath ha vinto una Heinken Cup nel 1998 (finale con il Brive vinta 19-18) e, nelle uniche due apparizioni in Challenge, ha centrato una finale nel 2003 (persa con il London Wasps) e una semifinale nel 2004 (sconfitta con il Clermont).

Il Bristol ha avuto una più assidua frequentazione in Challenge: cinque presenze, un quarto di finale (nel 2002 con i Sale Sharks) e una semifinale (nel 2000 con il Pau). L’aristocrazia, in parte decaduta, del rugby europeo contro i giovani borghesi della palla ovale. Questo potrebbe essere il titolo adatto alla sfida tra Dragons e Brive.

I francesi, infatti, hanno vinto la Heineken Cup nel 1997 ed hanno partecipato alle coppe europee in maniera pressoché ininterrotta dall’anno successivo alla creazione delle stesse. Il 
Brive, oltre alla già citata vittoria nella competizione più importante (28-9 contro il Leicester), ha giocato una finale di Heineken nel 1998 (persa con il Bath) e ha collezionato in Challenge tre quarti di finale (2001 con gli Harlequins, 2004 con gli stessi Harlequins e 2006 con il Glocester) e due semifinali (1999 con il 
Bourgoin e 2005 con il Pau).

In campionato, però, la formazione bianco-nera è in piena zona retrocessione e, dopo dodici giornate, si trova a un solo punto dal penultimo posto. I Newport Gwent Dragons sono una franchigia gallese di recente formazione: solo tre esperienze europee per loro in Heineken Cup senza aver lasciato grossi ricordi.